LEI

Questo è il racconto di una storia d’amore che esiste solo nella mia testa, Lei non ne sa nulla.

Così l’ho scritto, perché Lei lo potesse leggere e sorridere.

Lei sei tu.

Avevo cominciato a pensare a quale potesse essere il suo nome e di che cosa si occupasse.
Una vocetta con tono giudicante dentro di me diceva: “Forse sarà il caso di chiederglielo che dici?”, aggiungendo, “Oppure te la fai sotto?”
“Sì”, rispondeva un’altra delle mie voci, “Hai indovinato, me la faccio sotto.”

……..

Le domandai il nome. Quando Lei lo pronunciò io le risposi che non era quello che avevo immaginato. Non so spiegare perché feci quest’affermazione, forse pensai di poter risultare simpatico, invece mi incartai da solo in una frase che non aveva alcun senso. Dannazione. “Maverick, riprendi il controllo!”, m’intimò dalla testa una vocetta dal tono militare, che ogni tanto spunta fuori dal nulla.

Rosen

Un pensiero riguardo “LEI

  1. Ho letteralmente “divorato” anche questo libro di Rosen; che dire, ti tiene li, incollata alla lettura, ti chiedi costantemente “e ora che succederà..?!” e continui a leggere, sorridere, emozionarti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.